• SVE Ineu

    Dal diario di bordo di un volontario SVE

    INEU, 17 dicembre 2015

    Un balzo indietro nel tempo, un’istantanea familiarità linguistica e un’eccezionale accoglienza e familiarità. Queste sono le prime impressioni di un volontario in Romania, un paese remoto nel nostro immaginario collettivo, tanto più se se non lo si è mai visitato prima e vi si nutrono, anche immotivatamente, pregiudizi sulla scorta delle migliaia di cittadini romeni, che in larga misura felicemente integrati, da tempo vivono nel nostro paese.

    Continua a leggere

  • SVE_ Romania Ineu_ halfgroup

    Inaspettatamente ad Ineu e Berzasca

    Arrivano i primi racconti dai 3 giovani volontari italiani che stanno svolgendo 8 mesi di volontariato in ambito educativo e di animazione interculturale con bambini con minori opportuntità in Romania, nel comune rurale di Ineu.

    Continua a leggere

  • SVE Berzasca_2015

    Vacancy urgente per la Romania

    Riapre il bando per la raccolta candidature del progetto Sve “OPEN YOUR HEART. GIVE ME YOUR TIME”.

    Focsiv cerca con urgenza 1 giovane (18-30 anni) per completare il team di volontari europei (1 portoghese, 1 tedesco e 1 spagnolo) che svolgeranno 8 mesi di servizio (1 Novembre 2015 al 25 Giugno 2016) presso Arad, capoluogo dell’omonimo distretto nella storica regione  della Transilvania in Romania. Continua a leggere

  • SVE Berzasca_ 2015

    Volti e immagini da Berzasca

    Non servono tante parole per raccontare un’esperienza di volontariato, soprattutto quando si prende consapevolezza che lo “stare insieme”, il condividere le difficoltà e l’accompagnare una comunità negli impegni quotidiani è realmente l’aspetto più importante dell’esperienza di servizio e di cittadinanza attiva.

    Continua a leggere

  • Berzasca news today

    Sono trascorsi i primi due mesi dall’inizio del progetto SVE “Chance. Choice. Change” a Berzasca, comune rurale della Romania, dove due volontari italiani, Zara Rigon e Alberto Ricci, stanno svolgendo attività socio-educative per bambini e ragazzi con minori opportuntità, assieme ad altri giovani europei in servizio.

    Dopo questo periodo di inserimento è tempo di raccogliere le prime valutazioni dell’esperienza, che sempra essere iniziata positivamente per tutti, come testimoniano le parole di Alberto (25 anni).

    Alberto Ricci“Per ora va tutto bene, i bambini sono fantastici e pieni di energia. Piano piano ci stiamo inserendo nella vita del villaggio e l’esperienza prosegue bene. Anche con gli altri volontari per ora ci troviamo bene.

    L’On arrival training con l’Agenzia Nazionale Rumena a Predeal è stata una bellissima esperienza!  Abbiamo avuto modo di conoscere tanti altri volontari SVE da tutta Europa e il lavoro svolto durante quella settimana è stato più che utile, anche nell’ottica del lavoro con i bambini. Ad esempio abbiamo organizzato una caccia al tesoro per tutto il villaggio coi bambini, in occasione dell’International Walking Day, e sembra si siano divertiti parecchio!”

    Un buon inizio confermato anche dall’entusiamo di Zara (24 anni).

    “Tra una cosa e l’altra sono stati giorni molti impegnativi. Berzasca è come me l’ero immaginata: piccola ma molto vitale! Qui oltre alle attività con i bambini non c’è molto da fare e muoversi è quasi impossibile.

    Il progetto mi piace un sacco, ogni giorno scopro cose nuove sia sulla cultura romena sia sulle storie delle famiglie che abitano qui.

    Sto cercando di apprendere velocemente il rumeno perchè qui quasi nessuno parla inglese e questa cosa mi piace un sacco, perchè non vedo l’ora di capire e comunicare con le persone, ma soprattutto con i bambini. Se devo fare un bilancio di questi primi mesi credo che sia un bilancio positivo e spero che rimanga così!!!”

    In queste ore, anche un’altro volontario italiano, Raffaele (25 anni), è stato selezionato e si unirà presto al team di volontari a Berzasca, in sostituzione di un altro volontario europeo.

    Il piccolo gruppo di volontari SVE Focsiv in Europa continua quindi a crescere!

    Ad oggi sono 9 i giovani in servizio in 4 diversi progetti tra Romania e Slovenia, presenti e testimoni di cittadinanza attiva nelle tante situazioni di “periferia” e di marginalità che esistono anche al Nord del Mondo.

  • Progetto CCC_ Sve Romania

    Nuovi volontari SVE per la Romania

    Mancano pochi giorni alla partenza di 4 nuovi volontari SVE di FOCSIV per la Romania!

    Salvatore Loddo, Paolo Fuoli, Natasha Aidoo e Silvia D’Olimpio hanno partecipato oggi all’incontro di Formazione pre-partenza online, condividendo l’entusiamo per la partenza e le ultime domande prima di completare il bagaglio e raggiungere le sedi di Arad e Ineu.

    Continua a leggere

  • Progetto sve CCC_ Romania 2015_ Berzasca

    Riapre il Bando SVE in Romania, sede Arad

    Mentre arrivano da Zara e Alberto, volontari SVE con FOCSIV a Berzasca in Romania, le prime immagini delle attività interculturali e di integrazione interculturale coi minori nel progetto “Chance. Choice. Change”, FOCSIV riapre il Bando candidature SVE per il progetto “Open your heart. Give me your time” ad Arad, Romania.

    Continua a leggere

  • what_do_youth

    Proroga del Questionario giovanile

    E’stata prorogata al 30 settembre la possibilità di rispondere al questionario online promosso da FOCSIV nell’ambito del progetto “WHAT DO YOUth WANT? _ Indagine giovanile sulla Youth partecipation” finanziato dall’Agenzia Nazionale Giovani, programma ERASMUS+ (KA3).

    Continua a leggere

  • Daniela Conte, volontaria SVE progetto Children: right to future!

    SVE: i nuovi bandi per i giovani

    Mentre sono in corso i preparativi per la partenza di Zara e Alberto, i due primi volontari SVE FOCSIV per Berzasca (Romania), si aprono oggi nuove opportunità di volontariato per i giovani e per i cittadini stranieri legalmente residenti.

    Continua a leggere

  • Immagini dal sito http://www.skuhna.si/

    Volontariato in Slovenia: impresa sociale e integrazione

    Sei interessato all’impresa sociale? Vuoi capire come funziona sul campo?

    Desideri fare esperienza nell’integrazione interculturale in Europa?

    Continua a leggere