• onu

    Diritti umani dei migranti e politiche migratorie dell’Unione Europea

    Il nuovo rapporto di Francois Crepeau, Relatore Speciale ONU sui diritti umani dei migranti, si focalizza su un’analisi regionale relativa alla gestione delle frontiere esterne dell’Unione Europea e il suo impatto sui diritti umani dei migranti  Continua a leggere

  • Passport immigration stamp

    Il lavoro delle istituzioni internazionali ed europee in tema di “migrazioni e sviluppo”

     

    Il tema migrazioni e sviluppo è quindi diventato prioritario nell’agenda dello sviluppo. La FOCSIV segue l’evolversi del dibattito e riporta qui  in allegato alcuni documenti di carattere istituzionale (Nazioni Unite, Commissione Europea e Consiglio Europeo), per approfondirne la conoscenza:

    la Comunicazione della Commissione Global Approach on Migration and Mobility rappresenta il principale riferimento per la dimensione esterna della politica migratoria europea, con l’indicazione degli obiettivi e delle priorità tematiche;

    la Comunicazione della Commissione Maximising the development impact of migration è un contributo al dialogo di alto livello delle Nazioni Unite, nel quale si indicano le priorità e le proposte dell’Unione europea;

    le Conclusioni del Consiglio europeo di dicembre 2014 portano avanti la tematica migrazioni e sviluppo, indicando nuove direzioni e impegnando la Commissione ad proporre una nuova comunicazione con l’indicazione di strumenti applicativi;

    il rapporto ONU  su migrazioni internazionali e sviluppo di Luglio 2014 riassume i principali temi toccati dal Dialogo di alto livello tenutosi nel 2013 e indica le principali linee di azioni del Global Migration Group.

     

  • INCONTRO SU MIGRAZIONI E SVILUPPO DELLA RETE EUNOMAD

    FOCSIV ha preso parte all’incontro della Rete European Network on Migration and Development, che si è svolto a Milano il 28 e 29 gennaio.
    La riunione ha toccato numerosi temi importanti per la valorizzazione del ruolo delle iniziative di co-sviluppo, per promuovere il protagonismo dei migranti e delle loro associazioni, e per una nuova politica dell’integrazione. 
    Il prefetto Morcone, capo di gabinetto del Ministro Riccardi per la cooperazione internazionale e l’integrazione, è stato esplicito: “ l’innovazione cresce dal territorio, nelle città, non dal livello centrale”.

     

    La rete Eunomad sta cercando di capitalizzare pratiche per migliorare progetti e influenzare politiche. Lo stesso impegno è del Comune di Milano, di alcuni centri di ricerca (tra cui in particolare il CeSPI), università e ONG. 

     

    E’ necessario uscire dal recinto, dalla auto-referenzialità, e dalla doppia marginalità a cui sono relegati il co-sviluppo e la cooperazione decentrata: occorre superare il blocco politico e istituzionale, soprattutto a livello nazionale, e i pregiudizi dell’opinione pubblica.

    E’ importante allora sottolineare che mentre il co-sviluppo non era parte degli obiettivi del millennio, è ora tra i nuovi temi del dibattito su beyond 2015. E’ necessario che le associazioni dei migranti, le ONG e le autorità locali, partecipino al dibattito portando le loro pratiche e raccomandazioni politiche. Questa rilevanza è da fa ricadere sul livello europeo e italiano.

    Per un approfondimento, vedi le riflessioni in allegato. 

  • GLOBAL FORUM ON MIGRATION AND DEVELOPMENT 2012, LA SOCIETA CIVILE: WE ARE HERE FOR CHANGE

    Il Swami Vivekananda International Convention Centre (SVICC) a Pailles, Mauritius, ha ospitato i Civil Society Days del Global Forum Migrazioni e Sviluppo 2012. Circa 140 delegati della società civile si sono incontrati per lavorare sulle principali tematiche che mettono in relazione le migrazioni e lo sviluppo umano.

    Le macro aree di lavoro sono state le migrazioni del lavoro, la protezione dei migranti, la promozione dei diritti dei migranti. Il giorno 21 novembre, prima giornata del Forum governativo, i delegati della società civile hanno portato le loro conclusioni ai delegati dei governi partecipanti, ed hanno affermato “we are here for change”! Il Global Forum, insieme al World Social Forum on Migrations – in corso di svolgimento alle Filippine in questi giorni – può e deve essere, infatti, un’occasione di cambiamento culturale, per facilitare il dialogo e la partecipazione della società civile, sostenere la partecipazione dei migranti nei processi decisionali e nella sfera pubblica, nei paesi di origine come in quelli di destinazione.

     

    Il cambiamento sperato passa per una serie di riforme che vanno dal garantire un lavoro dignitoso nel paese di origine, a promuovere canali legali per la migrazione, e politiche nazionali per il lavoro che garantiscano anche i diritti dei lavoratori stranieri. È necessaria l’armonizzazione ed il riconoscimento delle qualifiche professionali, la garanzia di standard minimi di trattamento, ed una maggiore e più completa formazione professionale.

     

    La protezione dei migranti in contesti di crisi ed in situazione di vulnerabilità deve essere infine garantita, ed il rispetto dei diritti dei migranti deve rappresentare un impegno chiaro e condiviso dai governi dei paesi di origine, transito e destinazione.

     

     

    In allegato,le Dichiarazioni della società civile ai governi, e le Proposte della società civile per l’High Dialogue on Migration 2013.

     

    Per approfondimenti, http://www.gfmdcivilsociety.org/, http://www.wsfm2012.org/

  • INTERNATIONAL DIALOGUE ON MIGRATION 2012

    La FOCSIV, in qualità di osservatore OIM, sta partecipando all’International Dialogue on Migration (IDM) 2012 forum, che rappresenta la principale occasione per i membri OIM, gli osservatori, le organizzazioni internazionali e non governative e altri partner, per condividere le esperienze e le prospettive in materia di migrazione, al fine di individuare soluzioni e promuovere una maggiore cooperazione tra tutti gli attori che lavorano su tale fronte.
      

    Quest’anno, il dialogo internazionale sulla migrazione (IDM 2012) si concentra sulla ricerca di risposte adeguate alla tutela dei migranti nelle situazioni di crisi (Guerre, disastri ambientali, pandemie, ecc.).

    Il prossimo importante appuntamento sul tema sarà il seminario “Migrants in Times of Crisis: An Emerging Protection Challenge” che si terrà a New York il 9 ottobre prossimo. Il seminario chiamerà i politici e gli operatori a individuare le principali questioni in gioco e a contribuire alla stesura di raccomandazioni per i governi e le organizzazioni internazionali.

    In allegato la sintesi dei primi due workshop del 2012.

     

     

  • GLOBAL FORUM ON MIGRATION AND DEVELOPMENT 2011, SVIZZERA

     “Taking Action on Labour Migration, Development and the Protection of Migrant Workers

    and their Families” è il tema principale degli incontri del Forum mondiale su Migrazioni e Sviluppo, giunto quest’anno alla quinta edizione. 

    Il Global Forum on Migration and Development si è tenuto quest’anno in Svizzera, ed il tema principale ha riguardato la migrazione per lavoro e la protezione dei lavoratori migranti e delle loro famiglie. FOCSIV è stata accreditata ai Civil Society Days 2011.

    Le tematiche di riflessione sono state strutturate nei seguenti clusters: mobilità dei lavoratori e lo sviluppo (cluster I), affrontare l’immigrazione irregolare attraverso la migrazione coerente e strategie di sviluppo (cluster II) e strumenti per la migrazione basata sulle evidenze e politiche di sviluppo (cluster III).

    I risultati di questi incontri tematici sono stati riportati durante il Dibattito conclusivo del Global Forum.

    In allegato il Report finale dei Civil Society Days.

     

    Per consultare gli altri documenti del Global Forum 2011: http://www.gfmd.org/en/docs/switzerland-2011

  • GLOBAL FORUM ON MIGRATION AND DEVELOPMENT 2012, MAURITIUS

    Il Global Forum on Migration and Development rappresenta un’ importante iniziativa della comunità internazionale volta a studiare le relazioni tra migrazioni e sviluppo con una visione orientata all’azione; nasce nel 2006 ed ogni anno è organizzato in un continente diverso.

     

     

    Per il terzo anno consecutivo, FOCSIV è accreditata al Forum Mondiale sulle Migrazioni e lo Sviluppo che si terrà alle Mauritius il 19 e 20 novembre 2012, anticipando il Government Global Forum on Migration and Development che si svolgerà il 21 e 22 novembre.

    Come lo scorso anno in Svizzera, sarà la International Catholic Migration Commission ad assicurare il coordinamento durante le giornate della società civile; l’ufficio di coordinamento sosterrà anche la società civile nelle attività preparatorie all’ High Level Dialogue in International Migration and Development delle Nazioni Unite previsto nel 2013.

    Le maggiori tracce di riflessione dei Civil Society Days saranno:

    –      Migrazioni e lavoro

    –      Diaspora e sviluppo nelle migrazioni

    –      Protezione dei diritti dei migranti e delle loro famiglie

    –      Governance globale della migrazione

     

    Per maggiori informazioni, http://www.gfmdcivilsociety.org/index.html

  • FOCSIV OTTIENE LO STATUS DI OSSERVATORE PRESSO L’OIM

    La FOCSIV, è la prima ONG italiana ad ottenere lo status di osservatore presso l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM), dopo il voto all’unanimità del Consiglio Generale dell’organizzazione.

    Questo riconoscimento prestigioso giunge in un momento in cui l’impegno della Federazione sul fronte dell’immigrazione prosegue a ritmo sostenuto attraverso iniziative progettuali e pubblicazioni.

    Fondata nel 1951, l’OIM oggi è la principale organizzazione intergovernativa in ambito migratorio. Conta 132 Stati Membri e 15 Osservatori a cui si aggiungono 79 tra Organizzazioni Intergovernative e non Governative.

     

    In allegato, la Risoluzione del Consiglio OIM con cui viene ufficializzato lo status di Observer NGO per la FOCSIV.

  • GLOBAL FORUM ON MIGRATION AND DEVELOPMENT 2010, MESSICO

    FOCSIV è stata accreditata al Quarto Forum Mondiale sulle Migrazioni e lo Sviluppo che si è tenuto in Messico, nel novembre 2010. 

    Il Forum mondiale sulle Migrazioni e lo Sviluppo (Global Forum on Migration and Development, GFMD) è nato nel 2006 su iniziativa del Segretario Generale delle Nazioni Unite e del Rappresentante Speciale per le Migrazioni e lo Sviluppo, ma non fa parte del sistema delle Nazioni Unite. Si tratta di un’iniziativa della comunità internazionale volta a studiare le relazioni tra migrazioni e sviluppo con una visione orientata all’azione. Nasce come una sede di discussione informale che intende apportare un valore aggiunto ai dibattiti internazionali, con l’obiettivo principale di stimolare la riflessione, valorizzare il dialogo ed ispirare la cooperazione internazionale al fine di promuovere azioni innovative e partecipative. Le riunioni del Forum si sono tenute a Bruxelles (2007), Manila (2008), Atene (2009), Puerto Vallarta (2010); nel 2011, il Forum si terrà in Svizzera. 

     

    Pubblichiamo la Dichiarazione finale dei Civil Society Days, il Forum delle organizzazioni della società civile parallelo agli incontri istituzionali.