• CIDSE com stampa

    Il mondo cattolico chiede ai governi di aumentare gli impegni sui cambiamenti climatici

    FOCSIV con CIDSE, l’alleanza internazionale di organizzazioni di sviluppo cattoliche, invita i governi ad aumentare gli impegni per garantire il successo dell’Accordo sul clima di Parigi e per cogliere la sfida del clima come opportunità per avviare una transizione giusta che non lasci nessuno indietro.

    Un nuovo documento, “Climate Action for the Common Good”, è stato lanciato oggi da CIDSE alla COP 23 di Bonn.

    Con questo nuovo documento FOCSIV e CIDSE incoraggiano i governi a rispondere alla sfida del clima seguendo lo spirito dell’enciclica Laudato Si ‘ di Papa Francesco, che ha avuto un impatto significativo sull’esito positivo dell’Accordo globale sul clima a Parigi[1].

    Due anni dopo, tuttavia, i paesi rappresentati nell’Accordo di Parigi non hanno fatto abbastanza per adempiere alle loro responsabilità nei confronti del clima e un protagonista importante come gli Stati Uniti ha persino lasciato l’Accordo. Mentre l’Accordo di Parigi vede i paesi accettare di limitare gli aumenti globali della temperatura a non più di 1,5-2 gradi rispetto ai livelli preindustriali, le previsioni indicano che le attuali promesse di limitare le emissioni di carbonio basate sui nostri attuali modelli di sviluppo e di economia sono ben lontane dal raggiungere questo obiettivo.

    Il nuovo documento, che sarà a breve disponibile in versione integrale, ricorda ai governi l’enorme trasformazione necessaria per affrontare i cambiamenti climatici, nelle prospettive culturali, economiche, sociali e spirituali degli stili di vita di oggi e per le generazioni future, e l’urgenza che abbiamo di raggiungere questo obiettivo. Il modo in cui le persone vivono e le loro scelte di consumo hanno un impatto diretto sul clima, e cambiarli  è nelle loro mani.

    Josianne Gauthier, segretario generale di CIDSE, ha dichiarato: “Attraverso questo documento vogliamo rafforzare l’urgenza del richiamo che Papa Francesco fa nella Laudato Si per il cambiamento. Le opzioni esistono, così come l’ingegno umano e la creatività e la conoscenza locale. È tempo che le persone e le loro soluzioni siano al centro di un’azione urgente e ambiziosa sul clima “.

    “Climate Action for the Common Good” sostiene che i governi dovrebbero porre domande sui loro piani per affrontare il cambiamento climatico. Suggerisce che i paesi considerino come l’azione climatica possa affrontare la povertà e i diritti umani, se i piani climatici nazionali incoraggiano la partecipazione di tutte le persone e mostra come il mondo possa passare a zero emissioni di carbonio in un modo che non influenzi negativamente i più poveri e gli emarginati della società.

    La versione integrale del documento “Climate Action for the Common Good” sarà disponibile nei prossimi giorni.

    Per approfondimenti:

    www.cidse.org

    [1] Laudato Sì è stata pubblicata a giugno 2015 volutamente in tempo per impattare sui discorsi sul clima di Parigi che si sono tenuti a dicembre dello stesso anno.