• cambiamento-climatico-ok

    Ricalcolando la matematica climatica. Bisogna lasciare il petrolio disponibile sotto terra per scampare ai cambiamenti climatici.

    “I numeri del riscaldamento globale sono più spaventosi di quello che pensavamo. Il futuro dell’umanità dipende dalla matematica. E i numeri di un nuovo studio sono ancora più inquietanti.

    Questi numeri definiscono chiaramente, in semplice aritmetica, la quantità di combustibile fossile presente  nelle miniere di carbone esistenti al mondo e nei  pozzi di petrolio che si possono bruciare se vogliamo evitare che il riscaldamento globale bruci il pianeta. In altre parole, se il nostro obiettivo è quello di mantenere l’innalzamento della  temperatura della Terra entro i due gradi Celsius-il limite massimo individuato dalle nazioni del mondo- quanti ulteriori scavi e perforazioni possiamo fare?

    La risposta è : zero

    Proprio così: Se agiamo seriamente nel prevenire il riscaldamento catastrofico, il nuovo studio mostra che non possiamo più scavare eventuali nuove miniere di carbone, perforare nuovi terreni, costruire qualsiasi nuovo gasdotto. Non una sola. Abbiamo finito con l’espansione della frontiera dei combustibili fossili. La nostra unica speranza è un rapido e gestito declino nella produzione di tutta l’energia a base di carbonio dai terreni che abbiamo già messo in produzione.

    I nuovi numeri sono sorprendenti. Solo quattro anni fa, ho scritto un saggio intitolato “Global Warming’s Terrifying New Math”. Nel pezzo è stata inserita una ricerca di una Università con sede a Londra, il Tracker Initiative Carbon. La ricerca ha dimostrato che le riserve non sfruttate di carbone, petrolio, gas e identificate dalle industrie dei combustibili fossili al mondo contengono cinque volte più carbonio di quanto possiamo bruciare se vogliamo evitare di aumentare la temperatura del pianeta di più di due gradi Celsius. Cioè, se le società energetiche eventualmente scavassero e bruciassero tutto quello che rivendicano, il pianeta cuocerebbe cinque volte di più. La matematica ha dato il via una diffusa campagna di disinvestimento dalle scorte di combustibili fossili da parte delle università, chiese e fondazioni. Ed è da allora diventata la saggezza convenzionale: molti banchieri centrali e leader mondiali ora concordano sul fatto che abbiamo bisogno di mantenere la maggior parte delle riserve di combustibili fossili nel sottosuolo.

    Ma la nuova matematica è ancora più esplosiva. Essa si basa su un rapporto di Oil Change International, un università con sede a Washington, che ha utilizzato i dati dai consulenti energetici norvegesi Rystad. Per una tassa- $ 54.000 in questo caso Rystad venderà a nessuno dei suoi i numeri sulle fonti fossili esistenti al mondo. La maggior parte dei clienti sono compagnie petrolifere, banche di investimento e agenzie governative. Ma OCI ha voluto i numeri per un motivo diverso: per capire quanto siamo arrivati vicini al limite di una catastrofe.

    Gli scienziati dicono che per avere anche i due terzi di possibilità di stare al di sotto di un aumento globale di due gradi Celsius, possiamo rilasciare 800 gigatonnellate in più di CO2 nell’atmosfera. Ma i dati Rystad mostrano che miniere di carbone e pozzi di petrolio e di gas attualmente in funzione in tutto il mondo contengono 942 gigatonnellate in più di CO2. Quindi il problema di matematica è semplice, e va in questo modo:

    942> 800

    “Quello che abbiamo scoperto è che se si esaurisce tutto il carbonio che è nei terreni e nelle  miniere attualmente operative, si è già sopra di due gradi”, dice Stephen Kretzmann, direttore esecutivo di OCI.   Non è che se continuiamo a mangiare così per un paio di decenni saremo patologicamente obesi. E ‘che se mangiamo ciò che è già in frigorifero saremo patologicamente obesi.

    Quel che è peggio è che la definizione di “morboso” è cambiata negli ultimi quattro anni. Due gradi Celsius rappresentano la linea rossa. Ma gli scienziati ora ritengono che il limite massimo è molto più basso. Abbiamo già sollevato la temperatura del mondo di un grado- sufficiente a sciogliere quasi la metà del ghiacciai  nell’Artico, uccidere enormi aree coralline del mondo, e scatenare inondazioni letali e siccità. Luglio ed Agosto sono stati registrati come i mesi più caldi nella storia della civiltà umana. Luoghi come Bassora- in  Iraq ai confini di ciò che gli studiosi pensano che sia il giardino biblico dell’ Eden- ha raggiunto 129 gradi Fahrenheit quest’anno, si avvicina al punto in cui gli esseri umani non possono sopravvivere all’aperto. Così l’anno scorso, quando i leader mondiali si sono incontrati a Parigi, hanno creato un nuovo numero: ogni sforzo, hanno detto, sarebbe stato fatto per mantenere l’aumento della temperatura globale al di sotto di 1,5 gradi. E per avere ancora una possibilità 50-50 di soddisfare questo obiettivo, possiamo solo rilasciare circa 353 gigatonnellate in più di CO2. Allora, facciamo ancora una volta i conti:

    942> 353

    Molto di più. Per avere solo una possibilità di pareggio di incontro dell’obiettivo di 1,5 gradi solennemente fissato a Parigi, avremo bisogno di chiudere tutte le miniere di carbone e alcuni dei terreni petroliferi e di gas attualmente operanti prima che siano esauriti.

    “In assenza di alcune incredibili svolte verso i mitici succhiatori di carbone, i numeri dicono che abbiamo finito con l’espansione del settore dei combustibili fossili”, dice Kretzmann. “Mantener fede all’accordo di Parigi significa che dobbiamo iniziare un declino gestito nel settore dei combustibili fossili immediatamente ed iniziare a  gestire tale declino il più presto possibile.”

    “Declino Gestito” significa che non c’è bisogno di polverizzare tutto in una battuta d’arresto di domani; siamo in grado di mantenere l’estrazione del carburante dai pozzi di petrolio esistenti e giacimenti di gas e miniere di carbone. Ma non possiamo andare ad esplorarne di nuovi. Non possiamo nemmeno sviluppare quelli che già conosciamo, quelli proprio accanto ai nostri progetti in corso.

    Nei soli Stati Uniti, le miniere esistenti e pozzi di petrolio e giacimenti di gas contengono 86 miliardi di tonnellate di emissioni-abbastanza per noi per raggiungere il 25 per cento della strada per un aumento di 1,5 gradi della temperatura globale del carbonio. Ma se l’industria energetica degli Stati Uniti prende la sua strada e avvia tutti i pozzi di petrolio e  i siti di estrazione che sono attualmente mappati, aggiungerebbe altri 51 miliardi di tonnellate di emissioni di anidride carbonica. E se lasciamo che questo accada, l’America avrebbe da solo soffiato quasi il 40 per cento del bilancio del carbonio del mondo.

    Questa nuova matematica è una cattiva notizia per un sacco di giocatori potenti. L’industria dei combustibili fossili ha basato tutto il suo modello di business sull’idea che possa all’infinito “riprodurre” il petrolio e il gas che consuma ogni anno; le sue squadre di geologi sono costantemente alla ricerca di nuovi campi per perforare. Nel mese di settembre, Apache Corporation ha annunciato di aver identificato i campi di West Texas che detengono tre miliardi di barili di petrolio. Lasciando il petrolio sottoterra- come la nuova matematica dimostra che dobbiamo fare se vogliamo raggiungere gli obiettivi climatici fissati a Parigi- costerebbe decine di miliardi di dollari alle industrie.

    Per ragioni comprensibili, i sindacati dei lavoratori che costruiscono oleodotti e pozzi di perforazione resistono ai tentativi di cambiare. Si consideri il dramma corrente rispetto all’oleodotto Dakota Access.Nel mese di Settembre, anche dopo che le guardie di sicurezza dei gasdotti armati di spray al peperoncino e cani da guardia hanno attaccato i nativi americani che manifestavano in modo non violento per difendere le loro terre dai bulldozers, il Presidente Richard Trumka ha invitato l’amministrazione Obama a dare il lasciapassare per la costruzione. “Costruzione e manutenzione dei gasdotti” ha detto Trumka “assicura occupazione di qualità a decine di migliaia di lavoratori qualificati”.

    Sarebbe più facile per tutti, se non fosse così semplice. Gli operai del sindacato hanno veramente fatto affidamento su quei lavori per costruire la vita della classe media. Ma il problema è così semplice. Dobbiamo “allontanarci.” Dobbiamo “tenerlo sotto terra.” I numeri sono numeri. Non possiamo continuare a fare quello che stiamo facendo, se vogliamo avere un pianeta.

    “Tenerlo nel terreno” non significa fermare tutta la produzione di combustibili fossili all’istante. “Se si lascia che i terreni attuali inizino il loro declino naturale”, dice Kretzmann, “verrà usato il 50 per cento meno di olio entro il 2033.” Questo ci dà 17 anni per sostituire tutto il petrolio con l’energia rinnovabile. Questo è il tempo anche sufficiente, forse, per sostituire le auto che consumano gas con auto elettriche e, per riqualificare i lavoratori di gasdotti e minatori di carbone per la costruzione di pannelli solari e turbine eoliche. Per seguire l’esempio di città come Portland in cui è vietata qualsiasi nuova infrastruttura di combustibili fossili, e paesi come la Cina che hanno vietato le nuove miniere di carbone. Questi sono piccoli passi, ma sono importanti.

    Anche alcuni grandi sindacati stanno iniziando a rendersi conto che il passaggio alle energie rinnovabili potrebbe aggiungere un milione di nuovi posti di lavoro ben retribuiti entro il 2030. Tutti, dagli infermieri ai lavoratori dei trasporti si oppongono al gasdotto Dakota; altri sindacati sono venuti allo scoperto contro le esportazioni di carbone. “Questo è praticamente senza precedenti”, dice Sean Sweeney, un veterano del lavoro e del clima. “L’aumento di ‘sindacalismo legato al clima’ offre una nuova direzione per il movimento operaio”. E se si diffonde, darà ai politici democratici più spazio di manovra contro il riscaldamento globale.

    Ma per convincere i leader di tutto il mondo ad obbedire alla matematica per fermare la costruzione di eventuali nuove miniere o pozzi o condutture, avremo bisogno di un movimento come quello che ha bloccato l’oleodotto Keystone e di perforazione nell’Artico. E avremo bisogno di passare all’azione “lascialo nel terreno,” una legislazione che disporrebbe la fine di nuove estrazioni e perforazioni per i combustibili fossili sul suolo pubblico. E’ stata definita “non realistica” o “naïve” dall’ExxonMobil al segretario interno. Ma, come la nuova matematica chiarisce, mantenere i combustibili fossili sotto terra è l’unico approccio realistico. Quello che è irrealistico è immaginare che possiamo in qualche modo sfuggire al calcolo inesorabile del cambiamento climatico. Come la relazione OCI ammette, “Una delle più potenti leve di politica climatica è anche la più semplice: smettere di scavare.” Questo è, dopo tutto, la prima regola delle buche, e siamo nella più grande che mai”.

    Questo è letteralmente una prova di matematica, e non si sta classificando su una curva. Essa ha una sola risposta corretta. E se non otteniamo la destra, allora tutti noi, insieme con i nostri 10.000 anni di esperimenti di umana civilizzazione falliremo.”

    Di Bill Mckibben