• Trimboli-e-parte-della-comunità-di-GOEL

    MINACCE DI MORTE AL SOCIO DI GOEL BIO, TITOLARE DEL RISTORANTE “LA COLLINETTA”

    “Se non paghi 50mila euro sei morto. Ti brucio il ristorante, i figli e tutti i tuoi”: quattro diverse lettere con messaggi simili sono state recapitate nelle scorse settimane ai familiari ed allo chef Giuseppe Trimboli, socio di GOEL Bio e proprietario del ristorante “La Collinetta” a Martone (RC). Immediata la denuncia alle forze dell’ordine.

    Il ristorante “La Collinetta” è un’eccellenza riconosciuta che ha fatto di Martone, Comune con circa 600 abitanti della Locride, una tappa obbligata per i buongustai di tutta Italia: non a caso, il ristorante è stato premiato per il secondo anno consecutivo con la chiocciola “Slow Food” per l’impegno nella valorizzazione delle materie prime del territorio.

    L’azienda è socia di GOEL Bio, la cooperativa che riunisce i produttori agricoli che si oppongono alla ‘ndrangheta. A GOEL Bio “La Collinetta” conferisce l’olio extravergine di oliva biologico di propria produzione; inoltre, il ristorante è parte del circuito di turismo responsabile de I Viaggi del GOEL che testimonia una Calabria che lavora e produce sviluppo sostenibile.

    GOEL, come sempre, non si farà certo intimidire da queste minacce di stampo mafioso ed esprime massima fiducia nel lavoro delle forze dell’ordine e della magistratura, con l’auspicio che gli autori dell’intimidazione vengano rapidamente individuati e puniti. Tutta la comunità di GOEL è a fianco del proprio socio Pino Trimboli e della sua famiglia, pronti a mobilitare tutta l’ampia rete nazionale e internazionale per reagire in tutti i modi possibili a difesa di Pino e della sua attività. 

    Vincenzo Linarello, presidente di GOEL – Gruppo Cooperativo, ribadisce: «Chi progetta ed esegue queste intimidazioni da infame odia la Calabria e qualsiasi tentativo di sviluppo vero: a chi giova far chiudere un ristorante così a Martone e nella Locride? La ‘ndrangheta o chi compie questi atti chiaramente mafiosi vuole solo la rovina del nostro territorio».

    GOEL – Gruppo Cooperativo è socio FOCSIV dal 2013, una comunità di persone, imprese e cooperative sociali che operano per il cambiamento e il riscatto della Calabria, impegnate in prima linea nel campo dell’accoglienza, della solidarietà e dell’integrazione.

    Per info e contatti:

    comunicazione@goel.coop

    + 39 3400920981

  • lieveherijgers02_hr

    È UNA DONNA IL NUOVO PRESIDENTE DI CIDSE

    Lieve Herijgers, direttore dell’organizzazione belga fiamminga membro CIDSE, Broederlijk Delen, è stata eletta nuova presidentessa CIDSE. Eletta ieri all’Aia (Paesi Bassi) nel corso dell’incontro annuale dei direttori, è la prima donna che ricopre questo ruolo.

    Il mandato di Lieve durerà tre anni, succede a Eamonn Meehan di Trócaire (Irlanda), che è stato Presidente del CIDSE per due anni, fino al suo pensionamento.

    “Nel nostro mondo globalizzato, il vecchio modello di crescita economica ha messo in pericolo la Casa Comune. Guerre, cambiamenti climatici e migrazioni distruggono la vita di molti, l’irragionevole divisione tra chi ha e chi non ha, esclude i poveri da una vita dignitosa e nega loro i diritti umani. Queste ingiustizie richiedono un sistematico cambiamento sostenuto da una rete transnazionale di solidarietà. Considero CIDSE come la rete internazionale cattolica di advocacy che, insieme a tutte le persone di buona volontà può guidare il cambiamento, affinché si possa ottenere più giustizia. Come nuovo Presidente CIDSE, promuoverò la collaborazione tra tutti i nostri membri per incidere maggiormente sui processi decisionali a livello internazionale e politico”, ha detto Lieve Herijgers.

    A dare il benvenuto alla nuova Presidente anche Josianne Gauthier, segretario generale di CIDSE da settembre 2017, due donne alla guida delle coalizione, siamo convinti, come ha sottolineto la stessa Josianne, che sta per aprirsi una fase di lavoro molto importante per la giustizia sociale e ambientale.

    Nel corso dell’incontro, inoltre, si è unito un nuovo membro alla rete CIDSE: Vastenactie, il secondo membro dei Paesi Bassi, insieme a CORDAID, che porta a 19 il numero totale dei membri.

  • servizio civile attesa bando

    Selezione Progetto Caschi Bianchi Ecuador Migrazioni e rifugio 2018 – SCU

  • khadija

    IUS SOLI: L’APPELLO DI KHADIJA

    Khadija è nata in Marocco e vive in Italia da quando aveva 6 anni.

    La famiglia di Khadija è composta da 6 persone, oggi sono tutte italiane, ma per molti anni 3 sono state italiane e 3 marocchine: per sua madre e i suoi fratelli maggiori la cittadinanza è stata una difficile conquista eppure sono arrivati in Italia insieme.

    Continua a leggere

  • cattai_giro

    RICOSTRUIRE LA FIDUCIA TRA ISTITUZIONI E ONG. CATTAI E GIRO OGGI SULLA PRIMA PAGINA DI AVVENIRE

    “Riportare i migranti in Libia, in questo momento, vuol dire riportarli all’inferno” dichiarava ieri Mario Giro, Viceministro degli esteri su “La Stampa”. Gianfranco Cattai, Presidente di FOCSIV , dalle pagine di Avvenire, propone al Governo italiano di cercare un accordo con la Libia per permettere alle Organizzazioni delle Nazioni Unite e Associazioni di volontariato e solidarietà internazionale di intervenire per umanizzare la gestione di quei campi.

    Il mondo delle ONG e le Istituzioni trovano un punto d’incontro  in virtù del diritto di  ingerenza umanitaria » nato con le convenzioni di Ginevra, che lo stesso Giro richiama in una lettera al direttore di Avvenire che compare oggi a pagina tre del quotidiano accanto a quella di Cattai.

    “Secondo tale principio esiste una ‘neutralità’ della società civile (i «popoli» dell’articolo 1 della Carta dell’Onu), che autonomamente dai governi si organizza per soccorrere e salvare vite umane in base al diritto internazionale umanitario.”

    Quello che accomuna entrambe le lettere è un richiamo chiaro e imprescindibile alle coscienze delle persone e della politica affinché restino umani , perché salvare e tutelare vite umane deve rimanere una priorità imprescindibile per gli operatori umanitari, ma anche per le istituzioni.

    Leggi la lettera di Gianfranco Cattai

    Leggi la lettera di Mario Giro

    Avvenire_20170808_A03-001

  • Aerial view of brown coal (lignite) power plants between Spremberg and Weisswasser (Lausitz, Brandenburg). In the foreground the coal power plant Schwarze Pumpe and in the background the coal power plant Boxberg (Vattenfall Europe).
Luftaufnahme des Braunkohlereviers zwischen Spremberg und Weisswasser in der Lausitz (Brandenburg).
Vorne Braunkohlenkraftwerk Schwarze Pumpe, hinten Braunkohlenkraftwerk Boxberg, beide betrieben von der Vattenfall Europe Group.

    Stop al carbone entro il 2025: la petizione #migliaiadivite

    FOCSIV sostiene la petizione per accelerare il passaggio alle fonti rinnovabili.

    Il cambiamento climatico è sempre più evidente! Nonostante Trump. E siamo tutti chiamati a cambiare i nostri stili di vita e a sostenere i nostri governi a passare al più presto alle fonti rinnovabili.

    Continua a leggere

  • slider_guida

    GUIDA PER COMUNITÀ E PARROCCHIE ECOLOGICHE

    Questa Guida è il risultato del lavoro di traduzione e adattamento da parte di FOCSIV, in collaborazione con Retinopera e l’Ufficio Nazionale per i problemi sociali e il lavoro della CEI, della “Eco – Parish Guide” prodotta dal Global Catholic Climate Movement (GCCM). Continua a leggere

  • logo_g71

    G7: APPELLO DI FOCSIV A GENTILONI

    Le 80 ONG aderenti a FOCSIV riunite in Assemblea a Roma lo scorso 20 Maggio, nel 50°Anniversario della Populorum Progressio, hanno indirizzato un appello al Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni e ai Leader riuniti prossimamente a Taormina per il G7 con l’auspicio che vengano assunte delle decisioni coraggiose a favore del bene dell’umanità e del Creato in linea con quanto espresso dalla Coalizione Italiana contro la Povertà, alla quale FOCSIV aderisce, e dai rappresentanti della società civile.

    La Federazione confida che si possa giungere ad un risultato concreto ed adeguato alle aspettative dell’Umanità su questioni come la giustizia climatica, la sicurezza alimentare e la condizione dei migranti e rifugiati e che, pertanto, i Governi rappresentati al G7 assumano con coraggio le responsabilità connaturate al loro ruolo di guida delle maggiori economie del Pianeta.

    Leggi l’appello: http://www.focsiv.it/wp-content/uploads/2017/05/Appello-FOCSIV-al-G7.pdf

     

  • RIFORMA DEL TERZO SETTORE, FOCSIV: PLAUSO PER L’APPROVAZIONE DEI DECRETI ATTUATIVI, MA CHIEDIAMO DI NON RIDIMENSIONARE IL RUOLO DELLE RETI.

    Pur con molto affanno, fra luci ed ombre, le nuove regole per gli enti del terzo settore, tra cui le Ong, provano a dare una scossa ad un mondo ormai troppo frammentato: disponendo regole, controlli e trasparenza.

    Continua a leggere

  • news_LegaB_sito-riso

    I GIOCATORI DELLA SERIE B SCENDONO IN CAMPO CON GLI AGRICOLTORI DEL NORD E DEL SUD DEL MONDO

    Banner_300_300BSB Solidale per il Disagio Sociale sostiene FOCSIV

    I GIOCATORI DELLA SERIE B CONTE.IT SCENDONO IN CAMPO CON GLI AGRICOLTORI

    DEL NORD E DEL SUD DEL MONDO PER DIRE STOP AL CAPORALATO

    Dal 25 marzo al 25 aprile, ovvero dalla 32esima alla 38esima giornata del Campionato Serie B ConTe.it, Lega B e B Solidale scenderanno in campo al fianco della FOCSIV, Federazione degli Organismi Cristiani Servizio Internazionale Volontario, vincitrice del bando nella categoria “Disagio Sociale”.

    La Federazione, di cui fanno parte 78 Organizzazioni che operano in oltre 80 paesi del mondo, promuove in Italia campagne di sensibilizzazione che possano incidere sulle cause della povertà.

    Continua a leggere