Navigation
Caricamento Eventi
  • giovedì 22

    ottobre 2020

  • Dalle 8:00 am

    alle 5:00 pm

  • Via Sansovino 27

    Milano,

  • Costo ingresso

    Libero

La seconda tappa della mostra “HOW DO YOU PLAY?”

Dettagli

Inizio:
ottobre 22 @ 08:00
End:
ottobre 31 @ 17:00
Prezzo:
Libero

Organizzatore

COE, Centro Orientamento Educativo
Telefono:
02 6696258
Email:
Sito web:
www.coeweb.org

Luogo

Luogo Senza Nome
Via Sansovino 27, Milano,
+ Google Map:

Dal 22 al 31 ottobre torna a Milano la mostra di design nell’ambito del progetto CAMon promosso e coordinato dalnostro socio COE!

La mostra HOW DO YOU PLAY realizzata in Camerun nell’ambito del progetto CAMon! torna a Milano per una seconda tappa.

Per chi se la fosse persa durante la Milano Design City, sarà possibile visitare l’esposizione dei prototipi di design ispirati al tema del gioco nelle seguenti date:

 

da giovedì 22 a sabato 31 ottobre 2020
presso Rabotaroom – Via Sansovino 27 (Milano)
Nel rispetto dei regolamenti anti COVID-19 le visite sono possibili solo su prenotazione.

Contatti:
s.alberti@dontstopper.it
393 8259738

L’esposizione ideata da DONTSTOP Architettura di Michele Brunello, Marco Brega con Andrea Angeli, raccoglie una selezione di 12 oggetti ispirati al tema del gioco sviluppati dai giovani designer della LABA – Libre Académie des Beaux-arts di Douala.

La mostra è la tappa conclusiva di un percorso formativo sul design guidato da DONTSTOP Architettura, all’interno del progetto di cooperazione e sviluppo CAMon! Pro-muovere arte e cultura: capacity building, impresa sociale ed istruzione in Camerun promosso e coordinato da Associazione COE e sostenuto da AICS – Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo finalizzato alla promozione di arte e cultura come leve per lo sviluppo sostenibile del Camerun.

Gli architetti di DONTSTOP Architettura hanno proposto, partendo da una lettura particolare dei grandi maestri del design milanese, il tema del gioco come oggetto, spunto, metodo, metafora, linguaggio e soggetto del progetto di design.

Lo sviluppo dei progetti è partito da una rilettura contemporanea dei giochi tradizionali camerunensi per poi focalizzarsi sulla rielaborazione dei grandi giochi della cultura internazionale, dal Lego passando al Meccano arrivando all’Indovina chi, reinterpretati con un approccio progettuale camerunese.

È in fase di pubblicazione il libro dedicato a questa ricerca ed esposizione, il volume è a cura di DONTSTOP Architettura ed esce con Corraini Edizioni e con le fotografie di Stefano Graziani. Il testo, oltre a illustrare i giochi e i processi che li hanno generati, contiene una serie di approfondimenti sulla relazione tra gioco e design con un focus sul dinamismo creativo del continente africano.

La mostra

HOW DO YOU PLAY?

A cura di DONTSTOP Architettura
Michele Brunello e Marco Brega con Andrea Angeli
Team: Shanti Alberti di Catenajo e Miriam Pistocchi

Designers prodotti:

Pursuit Infernal – Avah Mbarga Thiery Durant
Cachet Sj – Siazeu Youmbi Francois Joel
To’ O’ Fue – Kemogne Jean Ernest
Nani – Nghelapen Maguemo Reina Sybella E Ngui Bekouti Marie Stephanie
Fang – Balla Awoumou Guy Landry
Al’ange – Bohono Akama Alzire Leila E Mekontchou Meitsop Ange
Sci – Ndasse Epoma Michel Thresor
Stl Mask – Sohmbe Tamba Landry
Animaleux – Steve Atangana
Logo – Olla Colette
Jenga – Ewondo Joseph Clovis
Alé Jù – Dongmo Nguapgue Claire Laure

I progetti e i prototipi sono stati realizzati presso la LABA – Libre Académie des Beaux-arts di Douala (Camerun).

Il libro

Corraini Edizioni

Autore: DONTSTOP Architettura

A cura di: Michele Brunello

Fotografie di Studio Stefano Graziani

Testi e contributi di:
Andrea Angeli
Paul-Henri Souvenir Assako Assako
Marco Brega
Michele Brunello
Prashanth Cattaneo
Luca Fois
Lionel Manga
Iolanda Pensa

Progetto grafico: CorrainiStudio

  
  
  
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER COOPERAZIONE



Presa visione dell’informativa ex art. 13 del Regolamento UE 2016/679 autorizzo il trattamento dei miei dati personali da parte di FOCSIV Volontari nel mondo per le finalità e con le modalità indicate nell’informativa stessa.