• « Torna ai risultati

    Progettomondo.mlal – Rappresentante Paese e Capo Progetto – Bolivia

    Luogo di lavoro

    Estero

    Scadenza invio candidature: 18 maggio 2019

    Posto: Rappresentante Paese e capo progetto

    Tipo di contratto: contratto a progetto

    Disponibilità: giugno 2019

    Durata: un anno rinnovabile

    Sede di lavoro

     paese: Bolivia

    luogo: La Paz con frequenti missioni nel paese

    Posizione: Fa riferimento al Policy Advisor Human Rights and Restorative Justice e al Desk Geografico Progettomondo.mlal.

     

    Progettomondo.mlal è un’Organizzazione Non Governativa (Ong) di cooperazione internazionale con sede a Verona che promuove da 53 anni progetti e programmi di sviluppo e di Educazione alla Cittadinanza Globale in America Latina, Africa e in Europa. Negli ultimi 20 anni Progettomondo.mlal ha progressivamente sviluppato una competenza tecnica specifica nell’ambito della Giustizia Minorile e Prevenzione Terziaria finalizzata al reinserimento sociale di minori e giovani in conflitto con la legge e la gestione del rischio di recidiva, attraverso l’elaborazione di programmi di intervento socioeducativi individualizzati e piani terapeutici specifici associati a meccanismi di giustizia riparativa. Assieme alla tematica dello sviluppo socio-economico in un’ottica di rafforzamento di filiere produttive, il settore giustizia si è quindi progressivamente convertito in un settore strategico del nostro intervento in Bolivia.

     

    DESCRIZIONE DEI COMPITI/MANSIONI:

     

    1. A) Rappresentante paese
    1. Svolge attività di rappresentanza istituzionale in relazione alle piattaforme di coordinamento tematico e i donors istituzionali e privati presenti nel paese
    2. Mantiene, rafforza, amplifica le relazioni con autorità ed attori boliviani e internazionali operanti in loco.
    3. Realizza, in collaborazione con lo staff di Progettomondo.mlal, studi di fattibilità, preparazione e redazione di eventuali nuovi progetti da sottoporre a Enti finanziatori per approvazione e finanziamento.
    4. Cura l’implementazione delle azioni di visibilità e comunicazione dei progetti, relazionandosi con l’Ufficio Comunicazione dell’Ong in Italia.
    5. Definisce assieme al Policy Advisor e al Desk le strategie tematiche e Paese ed è responsabile della loro implementazione operativa.
    6. È responsabile della gestione del personale, seleziona e assume personale locale, collabora alla redazione dei TdR dei volontari e dei consulenti espatriati, accompagna l’inserimento di nuovi espatriati, garantisce il rispetto della Normativa, redige relazioni di valutazione sul personale.
    7. In accordo con l’Ufficio Progetti, partecipa all’elaborazione delle strategie e di nuove proposte progettuali, garantisce la stesura di nuovi documenti di progetto e conduce le negoziazioni in loco con i finanziatori
    8.  Garantisce il rispetto dei vincoli imposti dagli accordi e contratti firmati dall’ONG e delle norme giuridiche ed amministrative del Paese.

     

    1. B) Capo progetto
    1. Coordina e monitora le attività previste nel progetto.
    2. Accompagna e fornisce supporto tecnico all’equipe locale, compreso i partner, per una corretta gestione del ciclo di progetto
    3. Realizza contatti ordinari con gli interlocutori operativi e istituzionali coinvolti nella realizzazione del progetto.
    4. Supervisiona e monitora compiti e attività realizzate dal personale che opera nel progetto. Applica meccanismi relativi all’eventuale formazione on the job del personale che opera nel progetto.
    5. Formula documenti relativi alla realizzazione del progetto:
    • Piani operativi periodici e aggiornamenti posteriori.
    • Rapporti intermedi e finali tecnici e finanziari e addenda.
    • Materiali divulgativi.
    1. Svolge le seguenti responsabilità e funzioni amministrative:
    • supervisione del personale di supporto al progetto (in ambito amministrativo, logistico e risorse umane);
    • verifica e validazione delle prime note mensili relative al progetto;
    • identificazione degli impegni economici e finanziari necessari per la realizzazione del progetto;
    • il corretto uso dei fondi e la corretta compilazione dei documenti di contabilità nei tempi e modi previsti;
    • la stesura dei preventivi annuali e trimestrali;
    • il rispetto delle procedure previste per acquisti, appalti e servizi.
    1. Raccoglie e trasmette tutte le ulteriori informazioni richieste dai referenti in Italia

     

    Requisiti obbligatori:

    Spiccate competenze/abilità relazionali, sia in riferimento ai rapporti istituzionali che a quelli interpersonali.

    Sensibilità e predisposizione al dialogo interculturale.

    Competenze ed esperienza nel settore Diritti Umani e Child Protection. Sarà considerato un plus positivo l’aver maturato esperienze nell’ambito della giustizia minorile.

    Profilo professionale orientato al settore della cooperazione internazionale, con particolare riferimento alle funzioni gestionali dei progetti di sviluppo e promozione e difesa dei diritti umani.

    Imprescindibile l’ottima conoscenza della lingua spagnola scritta e parlata (livello C1/C2).

    Comprovata esperienza nella realizzazione di analisi di fattibilità per l’elaborazione di nuove proposte progettuali e scrittura di nuovi progetti da presentare a donors istituzionali e privati (MAE, UE, Nazioni Unite). La capacità progettuale e l’abilità nel gestire i rapporti istituzionali saranno oggetto di attenta valutazione in sede di selezione così come l’analisi delle pregresse esperienze lavorative.

     

    Criteri di selezione:

    Laurea o titolo equivalente

    Esperienze professionali pregresse in funzioni gestionali, con ruolo di coordinamento di progetti co-finanziati dalla UE, MAE/AICS, Agenzie delle Nazioni Unite e altri donors internazionali (almeno 6 anni dimostrabili).

    Esperienza lavorativa pregressa in paesi dell’America Latina (almeno 4 anni dimostrabili).

    Conoscenza ed esperienza pregressa nell’uso degli strumenti e metodologie partecipative.

    Conoscenza degli strumenti gestionali di pianificazione e monitoraggio dei progetti di cooperazione internazionale (elaborazione di un POG, POA, report di monitoraggio intermedi e finale).

    Conoscenza degli strumenti per l’amministrazione e contabilità dei progetti di cooperazione internazionale, con particolare riferimento alle procedure di rendicontazione di progetti UE.

    Disponibilità a fare trasferte in regioni periferiche e/o rurali, talvolta in condizioni disagiate.

    Buone capacità organizzative e attitudine alla pianificazione.

    Attitudine al lavoro in gruppo e al problem solving.

    Buone conoscenze informatiche (pacchetto Microsoft Office, internet, Skype, applicativi per la gestione di progetto).

    Conoscenza linguistica: Spagnolo (ottimo).

     

    Inviare Curriculum Vitae (in ITALIANO) e lettera di motivazione (in SPAGNOLO) corredata da due referenze all’indirizzo e-mail: selezione@mlal.org indicando in oggetto “Rappresentante Bolivia e Capo progetto senior” entro il 18/05/2019.