• land grabbing in Etiopia foto articolo

    IL LAND GRABBING IN ETIOPIA

    Continuiamo con la pubblicazione mensile dei singoli capitoli del rapporto 2019 “I padroni della terra“. Nei mesi precedenti abbiamo pubblicato i primi quattro capitoli del rapporto.

    Ci occupiamo ora di Etiopia, dove il controllo della terra è un tema caldo da molto tempo. La rivoluzione marxista del 1974 e la riforma agraria dell’anno successivo sono solo l’ultima tappa di questo percorso.

    In Etiopia la terra è un tema che scotta, e lo dimostra il fatto che è stata proprio la questione
    delle terre ad aver fatto scattare la rivolta degli Oromo che ha portato alle dimissioni
    del Primo Ministro Hailé Mariam Dessalegn.

    Il 2 Aprile 2018 il Parlamento Etiope, che è formato da parlamentari del partito di Governo
    (EPRDF), ha nominato Abiy Ahmed come nuovo Primo Ministro (PM). Si tratta della prima
    volta nella storia del paese che una persona di etnia Oromo (la più numerosa) detiene questa
    carica. È stato il punto di arrivo di due anni di proteste da parte degli Oromo che il Governo ha
    inutilmente cercato di reprimere con la proclamazione dello stato d’emergenza e l’uso della
    mano pesante da parte delle forze dell’ordine.

    Tuttavia questo non significa che la politica agraria ed il modello di sviluppo imprenditoriale
    che è stato portato avanti in questi anni sarà cambiato. Possiamo però sperare che il
    promesso rispetto dei diritti umani, coniugato con una più ampia apertura del Paese ed una
    maggiore libertà di stampa, consentano alle popolazioni indigene, ai contadini, ed alle organizzazioni
    che operano al loro fianco di far sentire la loro voce e di poter lottare con maggiore
    efficacia per il rispetto dei loro diritti.

     

    SCARICA QUI IL QUINTO CAPITOLO