• divest foto

    L’impegno cattolico per il disinvestimento dalle fonti fossili continua

    La Federazione, in qualità di membro attivo del Movimento Cattolico Mondiale per il Clima (GCCM), partecipa alla campagna promossa dal Movimento stesso per il disinvestimento dai combustibili fossili, il cui utilizzo rappresenta una delle cause maggiori dei cambiamenti climatici provocati dall’attività dell’uomo.

    Dopo l’ incontro “Clima bene comune di tutti e per tutti”, tenutosi il 9 aprile a Roma, presso la Camera dei Deputati, siamo lieti di comunicare che diverse diocesi a livello internazionale hanno deciso di disinvestire, in particolare quelle che operano in territori portuali, chiedendo all’industria dei trasporti marittimi di accelerare la transizione energetica verso le energie rinnovabili.

    In Italia sono le diocesi di Napoli, Civitavecchia-Tarquinia, Savona-Noli e Siracusa, quelle che hanno dichiarato di disinvestire. Questa la dichiarazione del Cardinale Crescenzio Sepe, Arcivescovo Metropolita di Napoli, “Comunico la convinta adesione dell’Arcidiocesi di Napoli alla campagna per il disinvestimento dei combustibili fossili… È  il momento, anche un po’ tardivo, di prendere coscienza della gravità delle cause e delle conseguenze dei cambiamenti climatici e di adoperarsi perché ci sia un mutamento rispettoso nei comportamenti e negli stili di vita di ciascuna persona. Penso che questa responsabilità civica debba costituire un dovere morale e un impegno concreto per ogni buon cristiano”.

    Qui sotto il comunicato stampa:

     Istituzioni cattoliche disinvestono dai combustibili fossili

    Si chiede all’industria navale di rispondere a tale impegno abbandonando i combustibili fossili al prossimo vertice ONU

     In vista del vertice delle Nazioni Unite per ridurre le emissioni di gas serra nell’industria navale, istituzioni cattoliche collegate agli oceani e mari annunciano il proprio disinvestimento dai combustibili fossili. Tra queste ci sono istituzioni a Panama, il più grande registro nautico del mondo, le Filippine, principale paese di provenienza dei lavoratori in mare, la Grecia, la principale nazione di armatori al mondo, e città portuali da tutta Europa.

    L’annuncio è in occasione della conferenza convocata dal Vaticano The Common Good and Our Common Seas, che ha approfondito la protezione dell’ambiente marino alla luce dell’insegnamento cattolico. La conferenza coincide con l’attesissimo incontro dell’Organizzazione Marittima Internazionale, o IMO, l’agenzia delle Nazioni Unite incaricata di coordinare la sicurezza e la protezione ambientale per l’industria navale mondiale.

    Le discussioni all’IMO si concentreranno su azioni urgenti a breve termine per ridurre la CO2, come i limiti di velocità globali o standard di efficienza più rigidi per tutte le navi. I delegati inizieranno anche a progettare misure per far transitare il settore lontano dai combustibili fossili interamente a medio e lungo termine, per contribuire alla stabilizzazione del riscaldamento globale. Il disinvestimento delle istituzioni cattoliche segna un alto livello di ambizione per la riunione dell’IMO, che inizia il 13 maggio.

    Le istituzioni cattoliche che annunciano oggi il disinvestimento dai combustibili fossili includono:

    • L’Arcidiocesi di Panama, con il più grande registro nautico del mondo, in cui il disinvestimento segnala la leadership importante della chiesa che rappresenta circa il 70-80% della popolazione. Oltre il 40% dell’intero trasporto annuale dell’industria marittima è costituito da combustibili fossili e Panama è lo stato di bandiera per un quarto delle navi “portarinfuse” del mondo – i vettori del commercio globale di carbone. Nonostante il Canale di Panama abbia affrontato crescenti costi finanziari derivanti dai cambiamenti climatici, la delegazione di Panama all’IOM ha contrastato i target di CO2 per le navi e ha cercato di bloccare le riforme volte a conferire maggiore trasparenza all’organizzazione.
    • Caritas Filippine, agenzia di sviluppo ed advocacy della Chiesa nelle Filippine, dove il disinvestimento dai combustibili fossili aiuterà a proteggere i milioni di filippini che sono resi vulnerabili dall’innalzamento del livello del mare. I filippini rappresentano circa il 25% dei 1,5 milioni di lavoratori sulle navi del mondo. Le navi in mare aperto si spostano col più sporco di tutti i prodotti petroliferi, l’olio combustibile pesante, che contiene fino a 3.500 volte lo zolfo prodotto da diesel da strada. Mentre l’impatto sulla salute dei suoi fumi sui passeggeri delle navi da crociera sta guadagnando un po ‘di attenzione, poca preoccupazione è stata dimostrata per la salute di chi lavora sulle navi, persone esposte per periodi molto più lunghi, specialmente se è stato negato loro il permesso di lasciare la costa. Esistono tecnologie a basse e zero emissioni, ma necessitano di essere potenziate.
    • Le diocesi di Napoli, Civitavecchia-Tarquinia, Savona-Noli e Siracusa, in Italia, importanti porti per il trasporto merci e passeggeri, dove il disinvestimento contribuirà a proteggere i residenti esposti all’eccesso di mortalità a causa dell’inquinamento atmosferico. Le navi da crociera arrivano ogni giorno a Napoli e Savona. Civitavecchia è il principale punto d’ingresso per i turisti da crociera a Roma, e vivere vicino a questo porto è stato associato a più alti tassi di cancro ai polmoni e malattie neurologiche. Siracusa è un importante porto per le spedizioni petrolifere dalla vicina raffineria Exxon-Mobil.
    • La Chiesa cattolica in Grecia e l’Arcidiocesi di Malta, punti chiave di ingresso per i migranti dall’Africa, dove il disinvestimento contribuirà a proteggere coloro che compiono un pericoloso viaggio da tempeste più intense. La Grecia è la più grande nazione di armatori del mondo. Il governo e molte compagnie di navigazione greche ora supportano l’introduzione di limiti di velocità in mare per limitare il consumo di combustibili fossili.

    Le istituzioni cattoliche vedono il disinvestimento come uno strumento per affrontare la crisi climatica che sta contribuendo all’innalzamento dei mari, a tempeste più forti e deserti sempre più ampi che stanno danneggiano in modo sproporzionato le persone vulnerabili.

    La Conferenza The Common Good and Our Common Sea vede tra gli organizzatori anche il Dicastero per lo Sviluppo Umano Integrale con la partecipazione di una coalizione di importanti organizzazioni cattoliche. Tra i relatori, rappresentanti del Vaticano e Simon C. Bergulf, Direttore degli Affari Regolamentari per A.P. Møller-Maersk, la più grande impresa del mondo di navi portacontainer.

    Il saluto di Papa Francesco ai partecipanti della conferenza è disponibile qui (in inglese e spagnolo).

    Mons. José Domingo Ulloa Mendieta, Arcivescovo Metropolita di Panama, ha dichiarato

    “l’Arcidiocesi di Panama –  la prima Arcidiocesi del continente americano a disinvestire e la prima dal canale interoceanico più importante del mondo – annuncia la propria volontà di iniziare un lavoro pastorale a favore dell’ecologia integrale.”

    Cardinale Crescenzio Sepe, Arcivescovo Metropolita di Napoli, ha affermato, “Comunico la convinta adesione dell’Arcidiocesi di Napoli alla campagna per il disinvestimento dei combustibili fossili…E’ il momento, anche un po’ tardivo, di prendere coscienza della gravità delle cause e delle conseguenze dei cambiamenti climatici e di adoperarsi perché ci sia un mutamento rispettoso nei comportamenti e negli stili di vita di ciascuna persona. Penso che questa responsabilità civica debba costituire un dovere morale e un impegno concreto per ogni buon cristiano.”

    Simon Bergulf, Direttore degli Affari Regolamentari, A.P Moller-Maersk, ha dichiarato: “Nel dicembre 2018 abbiamo deciso i nostri obiettivi: raggiungere il 60% di riduzione dei gas serra entro il 2030 e raggiungere emissioni entro il 2050. Perché? L’industria navale rappresenta il 2-3% delle emissioni globali. Siamo lieti di ricevere pressioni su questo da parte di investitori e consumatori, consapevoli che qualcosa deve cambiare. Saremo presenti all’IMO a Londra e siamo certi che le cose cambieranno”.

    Tomás Insua, Direttore Esecutivo del Movimento Cattolico Mondiale per il Clima ha dichiarato: “La crisi climatica è reale e non abbiamo un momento da perdere per risolverla. Il disinvestimento dai combustibili fossili invia un messaggio forte al mondo: la Chiesa cattolica non sta con le mani in mano  in attesa della giustizia climatica”.

    Un totale di 12 istituzioni annunciano oggi il proprio disinvestimento, con l’elenco completo disponibile qui. Si uniscono a un totale globale di oltre 120 istituzioni cattoliche che hanno disinvestito fino ad oggi.

    Il Movimento Cattolico Mondiale per il Clima è una rete internazionale di oltre 800 istituzioni cattoliche e migliaia di persone, che lavorano insieme per implementare la Laudato Si ‘ e risolvere con urgenza la crisi climatica.