• agroecology cidse

    I PRINCIPI DELL’ AGROECOLOGIA: verso sistemi alimentari sostenibili, resilienti e giusti

    Lo scorso 3 Aprile è stato presentato a Roma, presso il mercato di Campagna Amica, il nuovo documento sui principi dell’agroecologia, realizzato da CIDSE, in collaborazione con FOCSIV.

    Il documento ha l’obiettivo di spiegare cosa sia l’agroecologia e di promuoverne  principi e pratiche, dimostrando come un approccio agroecologico possa migliorare la resilienza e la sostenibilità dei sistemi alimentari e agricoli, preservando l’integrità sociale e rispondendo ad un approccio sistemico di sostenibilità nelle sue diverse dimensioni, socio-culturale, ambientale, economica, politica.

    Il documento è stato pubblicato, ed è disponibile in versione cartacea, come parte di un più ampio dossier multimediale disponibile online, che include altri documenti correlati, infografiche  e interviste video.

    L’obiettivo di CIDSE, insieme con FOCSIV, è quello di sviluppare una visione e una comprensione unitarie sull’agroecologia, che consideriamo uno dei principali pilastri per raggiungere la sovranità alimentare e la giustizia climatica. L’agroecologia parte dalle comunità locali ed è realizzata con le comunità locali, i piccoli produttori, le donne, perno dell’agricoltura familiare.

    Nel momento in cui le nostre società affrontano profonde crisi sociali, ambientali ed economiche, e allo stesso tempo i cambiamenti climatici ci impongono un radicale cambio di rotta rispetto agli attuali modelli di produzione e consumo, diventa urgente comprendere e sostenere con forza l’agroecologia, al fine di renderla pratica diffusa e motore di sviluppo capace di rispondere alle esigenze di equità, giustizia, sostenibilità.  CIDSE e FOCSIV continueranno il loro impegno e il dialogo con le organizzazioni partner e con i decisori politici affichè sostengano e promuovano concretamente l’agroecologia attraverso l’adozione di quadri normativi e misure concrete.

    Scarica qui il documento in versione integrale.

    Scarica qui l’infografica.

    Clicca qui per il dossier multimediale.

    Il documento è disponibile in Inglese, italiano, francese, spagnolo, portoghese