Navigation

Premio del Volontariato Internazionale 2019

A pochi giorni dal 5 dicembre, Giornata Mondiale del Volontariato, il XXVI Premio del Volontariato Internazionale consegna il riconoscimento di Volontario Internazionale a Giampaolo Longhi, Responsabile Etiopia CVM – Comunità Volontari per il Mondo, e quello di Volontario dal Sud a German Graciano Posso, rappresentante della Comunità di Pace di San Josè de Apartadò in Colombia, candidato da Operazione Colomba della Giovanni XXIII.

Due difensori dei diritti umani al fianco, in un caso, delle lavoratrici domestiche, una delle categorie sociali più vulnerabili e, nell’altro, della propria comunità per difenderne i diritti.

Giampaolo Longhi, di Foggia, da due anni in Etiopia con CVM – Comunità Volontari per il Mondo impegnato nel sostegno dei diritti delle donne, con particolare attenzione a quelle dedite al lavoro domestico svolto nel Paese, molte delle quali minorenni, e delle lavoratrici domestiche rientrate in Etiopia, forzatamente o volontariamente, da paesi quali il Libano, la Libia, l’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi, ecc.

L’altro, German Graciano Posso, colombiano, rappresentante della Comunità di Pace di San Josè de Apartadò, impegnato non solo nel processo di resistenza nonviolenta verso il conflitto civile colombiano, ma anche nei confronti di un sistema economico internazionale che vuole spogliare i contadini, anche della sua comunità, delle loro terre in favore dell’ingresso delle multinazionali e per far ciò non disdegnano l’eliminazione chi si oppone.

Come per le scorse edizioni del Premio si consegnano due Menzioni speciali una a Pietro Bartolo, medico e oggi europarlamentare impegnato in un processo di accoglienza, integrazione e nell’inclusione dei migranti in Italia ed in Europa, e l’altra a Marco Tarquinio, direttore di Avvenire, uomo del dialogo e della ricerca della verità per i propri lettori che ha portato il quotidiano della CEI ad essere la quarta testata più letta in Italia.

Vince, invece, l’IBO Italia Instagram Contest 2019, oramai giunto alla XI Edizione, Martina Novello, volontaria in Uganda con Africa Mission-Cooperazione e Sviluppo impegnata in un progetto multisettoriale dedicato alla popolazione sud sudanese e a quella ugandese che ospita i rifugiati. A fianco alla vincitrice del Contest la giuria tecnica ha unanimemente deciso di aggiungere una Menzione Speciale per Gaia Mataloni, per come è riuscita in questi mesi a raccontare con sensibilità, rispetto e condivisione, con scatti in bianco e nero e testi originali ed emozionanti, il suo Servizio Civile, che svolge attualmente in Rwanda con Amahoro.

Mentre il Premio speciale collegato al progetto “TERO –Territoires Engagés pour la Résilience des Oasis”, rivolto a tutti i giovani, in Europa e nei Paesi del Maghreb, interessati e attivi sul tema del cambiamento climatico, è consegnato a Raphaël Pouget, francese che lavora con UNICEF Mauritania a Nouakchott come Digital communication officer nell’ambito del programma di volontariato francese VSI Volontariat de Solidarité International.


  
  
  
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER COOPERAZIONE



Presa visione dell’informativa ex art. 13 del Regolamento UE 2016/679 autorizzo il trattamento dei miei dati personali da parte di FOCSIV Volontari nel mondo per le finalità e con le modalità indicate nell’informativa stessa.