• Untitled design (1)

    APPELLO ALL’UNIONE EUROPEA PER UNA LEGISLAZIONE OBBLIGATORIA SU IMPRESE, DIRITTI UMANI E AMBIENTALI

    Focsiv con CIDSE, insieme a più di 100 ONG europee, ha firmato l’appello per chiedere che si adotti a livello europeo un regolamento che renda obbligatorio il rispetto dei diritti umani e ambientali per le imprese e società finanziarie che operano o che offrono prodotti o servizi all’interno dell’Unione Europea.

    Continua a leggere

  • COP 25 ok

    COME PROCEDE LA COP25 A MADRID

    Si sta per concludere la seconda settimana dei negoziati alla COP25 a Madrid.

    Vediamo qui alcuni dei più importanti temi discussi durante la prima settimana della COP25 a Madrid. Si è parlato di articolo 6 sui meccanismi di mercato per la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra, del meccanismo di loss and damage, legato alle conseguenze del cambiamento climatico.

    Continua a leggere

  • FoM_news

    Organizzazioni della società civile dei paesi dell’Est chiedono una Europa più solidale sulle migrazioni

    Le organizzazioni della società civile dell’Europa dell’Est, con partner italiani e greci, chiedono in una lettera inviata alla Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen di presentare un nuovo Patto su Migrazioni ed Asilo più solidale. Tra le proposte quella di una nuova grande operazione per salvare vite umane nel Mediterraneo, simile all’esperienza di Mare Nostrum dell’Italia, e, al contempo, un piano europeo per la soluzione della crisi libica. Per questo le organizzazioni sono a favore di una equa ricollocazione tra i paesi membri, anche quelli dell’Est. Continua a leggere

  • CAPTOLO sei

    HIDROVÍA AMAZÓNICA E LAND GRABBING: ANALISI PREVIA DI UN CASO IN EVOLUZIONE

    Pubblichiamo oggi il sesto capitolo del rapporto 2019 “I padroni della terra“ in cui ci occupiamo di HIDROVÍA AMAZÓNICA e land grabbing, con l’analisi di un caso in evoluzione.

    Continua a leggere

  • WCENTER 0XMKBCPMJM                epa03430299 EU flags wave outside the EU Commission headquarters in Brussels, Belgium, 12 Ocotober 2012. The European Union was awarded the Nobel Peace Prize 2012 earlier the same day. The EU and its forerunners have for 'over six decades contributed to the advancement of peace and reconciliation, democracy and human rights in Europe,' the Norwegian Nobel Committee citation said 12 October. European Council  President Herman van Rompuy said that the Nobel Peace Prize was a recognition of the EU's work as a peacemaker in Europe.  EPA/OLIVIER HOSLET

    IL PARLAMENTO EUROPEO DICHIARA L’EMERGENZA CLIMATICA

    Il 28 novembre il Parlamento Europeo ha approvato, con 429 voti a favore 225 contrari e 19 astensioni, una risoluzione che dichiara un’emergenza climatica e ambientale in Europa e nel mondo. Il PE vuole azioni ambiziosi e immediate con l’obiettivo di limitare gli effetti del cambiamento climatico.

    Continua a leggere

  • COP 25 ok

    AL VIA LA COP25, CONFERENZA CLIMATICA DELLE NAZIONI UNITE

    E’ iniziata ieri a Madrid la COP 25, la Conferenza Globale delle Nazioni Unite sul Clima che vedrà riuniti i capi di Stato e di Governo per discutere sul clima e per riflettere su come rafforzare l’attuazione dell’accordo di Parigi. La conferenza si svolgerà fino al 13 dicembre.

    Il Segretario Generale dell’ONU António Guterres ha affermato che si deve dimostrare di essere seri nell’impegno per fermare la guerra contro la natura, e che c’è la volontà politica di raggiungere la neutralità delle emissioni di carbonio entro il 2050.

    Continua a leggere

  • Vincitori Premio 2019

    I diritti umani al centro del XXVI Premio del Volontariato Internazionale

    Il Volontariato Internazionale è nel segno dei Diritti Umani. A pochi giorni dal 5 dicembre Giornata Mondiale del Volontariato il XXVI Premio del Volontariato Internazionale consegna il riconoscimento di Volontario Internazionale a Giampaolo Longhi, Responsabile Etiopia CVM – Comunità Volontari per il Mondo, e quello di Volontario dal Sud a German Graciano Posso, rappresentante della Comunità di Pace di San Josè de Apartadò in Colombia, candidato da Operazione Colomba della Giovanni XXIII.
    Il Premio ha ricevuto, come gli scorsi anni, la Medaglia del Presidente della Repubblica.

    L’edizione 2019 è stata sostenuta da Europe in the World – Engaging in the 2030 Sustainable Development Agendaprogetto di sensibilizzazione e awareness raising realizzato con il contributo dell’Unione Europea, e da Territoires engagés pour la resilience des oasisTeroprogetto di capacity building nell’ambito dell’iniziativa EU Aid Volunteers dell’Unione Europea.

    Due difensori dei diritti umani al fianco, in un caso, delle lavoratrici domestiche, una delle categorie sociali più vulnerabili e, nell’altro, della propria comunità per difenderne i diritti.

    Giampaolo Longhi, di Foggia, da due anni in Etiopia con CVM – Comunità Volontari per il Mondo impegnato nel sostegno dei diritti delle donne, con particolare attenzione a quelle dedite al lavoro domestico svolto nel Paese, molte delle quali minorenni, e delle lavoratrici domestiche rientrate in Etiopia, forzatamente o volontariamente, da paesi quali il Libano, la Libia, l’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi, ecc.

    L’altro, German Graciano Posso, colombiano, rappresentante della Comunità di Pace di San Josè de Apartadò, impegnato non solo nel processo di resistenza nonviolenta verso il conflitto civile colombiano, ma anche nei confronti di un sistema economico internazionale che vuole spogliare i contadini, anche della sua comunità, delle loro terre in favore dell’ingresso delle multinazionali e per far ciò non disdegnano l’eliminazione chi si oppone.

    Come per le scorse edizioni del Premio sono state consegnate due Menzioni speciali: una a Pietro Bartolomedico e oggi europarlamentare, impegnato in un processo di accoglienza, integrazione e nell’inclusione dei migranti in Italia ed in Europa; l’altra a Marco Tarquinio, direttore di Avvenire, uomo del dialogo e della ricerca della verità per i propri lettori, che ha portato il quotidiano della CEI ad essere la quarta testata più letta in Italia.

    Vince, invece, l’IBO Italia Instagram Contest 2019, oramai giunto alla XI Edizione, Martina Novello, volontaria in Uganda con Africa Mission-Cooperazione e Sviluppo impegnata in un progetto multisettoriale dedicato alla popolazione sud sudanese e a quella ugandese che ospita i rifugiati. A fianco alla vincitrice del Contest la giuria tecnica ha unanimamente deciso di aggiungere una Menzione Speciale per Gaia Mataloni, per come è riuscita in questi mesi a raccontare con sensibilità, rispetto e condivisione, con scatti in bianco e nero e testi originali ed emozionanti, il suo Servizio Civile, che svolge attualmente in Rwanda con Amahoro.

    Mentre il Premio speciale collegato al progetto“TERO –Territoires Engagés pour la Résilience des Oasis”, rivolto a tutti i giovani, in Europa e nei Paesi del Maghreb, interessati e attivi sul tema del cambiamento climatico, è stato consegnato a Raphaël Pouget, francese che lavora con UNICEF Mauritania a Nouakchott come Digital communication officer nell’ambito del programma di volontariato francese VSI Volontariat de Solidarité International.

    “La difesa dei diritti umani è uno dei cardini della storia del Volontariato del nostro Paese. In molti siamo partiti qualche decennio fa per farli rispettare nelle tante periferie del mondo. Una radice forte quella della solidarietà e del volontariato senza i quali non vi sarebbe un futuro. L’albero solidale che in questi anni abbiamo cresciuto e che oggi va più che mai difeso, alimentato e reso ancora più forte. Ce lo chiedono i giovani che partono ogni anno per il Servizio Civile Universale, gli espatriati delle nostre 86 ONG federate alla FOCSIV e quella parte d’Italia che non si arrende all’odio, all’individualismo sfrenato e alla violenza dei gesti e delle parole. –ha dichiarato Gianfranco Cattai, Presidente FOCSIVIl Premio del Volontariato di fatto mette in evidenza come il volontariato sia un’esperienza di valore, che non va intesa solo come momento di formazione individuale per una cittadinanza attiva e consapevole, ma come attore principale nel processo di acquisizione di una maggiore consapevolezza come cittadini chiamati a fare ognuno la sua parte per il bene comune per il proprio territorio, la propria comunità, ma anche per un bene più importante: il futuro dell’Umanità e del nostro Pianeta.”

     

    Il 26° Premio Volontariato Internazionale FOCSIV 2019 si è svolto sotto l’alto Patrocinio del Parlamento Europeo ed ha ricevuto i Patrocini della Regione Lazio, Comune di Roma,  del Ministero degli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale, del Ministero del Lavoro e della Politiche Sociali, dell’Agenzia Nazionale per i Giovani  e di Responsabilità Sociale RAI.

    Partner del Premio del Volontariato Internazionale 2019 sono: Fondazione Missio, Forum Nazionale Terzo Settore, AOI, 8×1000 alla Chiesa Cattolica e John Cabot University. Media partner: Agenzia DIRE, Avvenire, Famiglia Cristiana, TV2000, Radio Vaticana, Corriere Buone Notizie, Redattore Sociale, Rete Sicomoro, Stranieri in Italia.

    Anche l’edizione di quest’anno ha contato sulla presenza degli “Amici del Premio”che hanno dato spazio ed eco all’iniziativa: Popoli e Missione, Missioni Consolata, Mondo e Missione, Unimondo e On The Road TV. Sponsor tecnico Raptim humanitarian travel.

    #ViPremio2019

    www.premiodelvolontariato.it

    www.focsiv.it

     

    Prossimo appuntamento

    Mercoledì 4 dicembre, presso lo Spazio Europa, in via Quattro Novembre 149, dalle 9,30 alle 16,30, WeWorld-GVC e FOCSIV, in occasione della Giornata Internazionale del Volontariato, promuovono un incontro fra organizzazioni, istituzioni e cittadinanza per condividere esperienze e riflessioni a partire delle esperienze di volontariato europeo, EU Aid Volunteers, e si confronteranno sul futuro degli European Solidarity Corps, come opportunità internazionali per i giovani.
  • La Foresta Tropicale o Foresta Equatoriale yes

    AMAZZONIA, LA STORIA DEI KOFAN. GLI INDIGENI NOMADI TORNATI SULLE LORO TERRE

    Amazzonia, la storia dei Kofan. Gli indigeni nomadi tornati sulle loro terre – di Massiliano Cochi immagini di Lucio Ciavola

    TV2000 TG2000 ore 20,42 del 24 ottobre 2019

    Per raggiungere i territori dei Kofan bisogna risalire il Rio Amarillo, un fiume che scorre al confine con la Colombia e che ha l’acqua color del fango.

    Continua a leggere

  • AMAZZONIA PERUVIANA _ SCN FOCSIV

    AMAZZONIA, REPORTAGE IN ECUADOR TRA GLI ABITANTI AMMALATI DI CANCRO

    Amazzonia, reportage in Ecuador tra gli abitanti ammalati di cancro – di Massimiliano Cochi immagini di Lucio Ciavola

    TV2000 – TG2000 ore 18,35 del 23 settembre 2019

    Lo sfruttamento nel nord dell’Ecuador inizia quasi 40 anni fa. Tra il 1968 e il 1990 furono scavati 352 pozzi e 880 piscine, ossia enormi vasche dove venivano raccolti petrolio e acque di perforazione, altamente tossiche.

    Continua a leggere

  • petrolio

    AMAZZONIA, REPORTAGE SULLA FORESTA CONTAMINATA DAL PETROLIO

    Amazzonia, reportage sulla foresta contaminata dal petrolio – di Massimiliano Cochi, immagini di Lucio Ciavola

    TV2000 – TG2000 ore 18,47 del 24 settembre 2019

    Il reportage Tg2000 di Massimiliano Cochi in Amazzonia si concentra su uno dei peggiori disastri ambientali della storia: 450 mila ettari di foresta contaminata dalle trivellazioni petrolifere.

    Continua a leggere