• ADP, A PADRE GIORGIO E PADRE BORILE IL RICONOSCIMENTO DI ‘ GIUSTI NEL MONDO ‘

    Il Comune di Padova assegnerà a p. Vito Giorgio e p. Eros Borile dell’Ong Amici dei Popoli (AdP), socio Focsiv, il titolo di “Giusti del Mondo” nel corso di una cerimonia pubblica che si svolgerà a Padova il prossimo 2 ottobre.

    P. Eros Borile e p. Vito Giorgio hanno diretto, nel corso del genocidio perpetrato in Rwanda nel 1994, il Centre Social “St. Antoine” per minori di Nyanza (Rwanda) trasformandolo in un punto di riferimento e di ricovero per i minori in pericolo di entrambe le etnie (tutsi e hutu).

     

    “In un momento di reale pericolo per le loro vite – racconta Alberto Mabilia, Presidente AdP – hanno scelto di rimanere con i perseguitati che si affollavano nel Centro (raggiungendo il numero di circa un migliaio) facendo fronte alle incursioni delle fazioni in guerra e affrontando la situazione con coraggio, prudenza e saggezza, riuscendo ad assicurare non solo l’incolumità ma anche il sostentamento a tutti i rifugiati”.

     

    Nel corso del genocidio e soprattutto nel periodo di maggior difficoltà per il Centro, p. Vito Giorgio è rimasto costantemente in contatto con l’Italia attraverso Amici dei Popoli consentendo così di tenere vivo l’interesse per quanto stava accadendo e di dare un’informazione corretta non sempre presente nei media. La loro opera è poi proseguita per favorire la pacificazione delle parti, contrastare nei giovani rwandesi la cultura del genocidio e avvalorare la verità storica.

     

    “Il loro inserimento nel Giardino dei Giusti, realizzato a Padova nel 2008, è un segno importante che la città mostra di voler assegnare a due persone che con Padova hanno un rapporto significativo – commenta Mabilia -. P. Eros è nato a Monselice, dove vivono ancora i genitori e i parenti, p. Vito ha studiato a Padova negli anni ’60, è stato cappellano della parrocchia Gesù Buon Pastore alla fine degli anni ’70 e poi è partito per la Missione in Rwanda e ora è rientrato come parroco della stessa parrocchia. Il suo invito a conoscere questa realtà molto povera ha spinto alcuni parrocchiani a recarsi in Rwanda e al ritorno a dar vita alla sede padovana dell’ong Amici dei Rwanda (oggi Amici dei Popoli)”.

     

    Il progetto “Giusti del Mondo” è sotto l’alto Patronato del Presidente della Repubblica e gode dei patrocini di Regione del Veneto, Provincia di Padova e Ufficio Scolastico Regionale del Veneto. Prevede la celebrazione di ciascun Giusto con una pianta, perché l’idea di piantare un albero, e quindi il concetto di generare una vita, riprende quella di aver dato la possibilità a un uomo di salvarsi, di poter vivere, di poter testimoniare il bene ricevuto davanti alle successive generazioni.