• lvia senegal

    LVIA – Senegal 2018

    Metti in moto potenzialità e passioni! Parti per un viaggio di conoscenza e volontariato in Africa con LVIA!

    Continua a leggere

  • migranti acquarius

    FOCSIV è dalla parte dell’Umanità. #umanitàaperta #aquarius #portiaperti

    Sulla vicenda della nave Acquarius, alla quale il Ministro Salvini ha negato l’approdo nei porti italiani, interviene Gianfranco Cattai, presidente FOCSIV: “Un Ministro della Repubblica Italiana, nel momento nel quale accetta di esserlo, giura di rispettare la Carta Costituzionale in tutti i suoi articoli.

    La Costituzione definisce il nostro Paese come garante dei diritti inviolabili dell’uomo e richiede a tutti i cittadini, ad iniziare da chi riveste ruolo istituzionale, l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale.

    Fare azioni e dichiarazioni con le urne aperte per prendere più voti è una grave violazione non solo verso la propria funzione di rappresentante dello Stato, ma una mancanza di rispetto verso la libertà di scelta democratica dei cittadini italiani. Una tattica che fa cultura e segna un pericoloso precedente.

    Non si possono chiudere le porte a chi ha bisogno. Non si lasciano in mare donne, bambini, uomini disperati e provati.

    Come rappresentante di 84 ONG di ispirazione cristiana, da 46 anni presenti nelle periferie del mondo, siamo dalla parte dei Sindaci disubbidienti e dell’Umanità. Cito volutamente il Vangelo secondo Matteo 25, 35-44 “[…]  ebbi fame, e mi deste da mangiare; ebbi sete, e mi deste da bere; fui forestiero, e m’accoglieste […]”

    #Aquarius #umanitàaperta #portiaperti

  • servizio civile attesa bando

    SERVIZIO CIVILE CON FOCSIV: LE OPPORTUNITÀ IN ATTESA DEL BANDO

    32 progetti in Italia per 180volontari e 32 progetti all’estero per 364 volontari, in totale 544 giovani tra i 18 e i 29 avranno l’opportunità di vivere questa esperienza con FOCSIV e i suoi Soci, il contingente più numeroso di sempre.

    Continua a leggere

  • master sito

    Nuovo Master ICT for Development and Social Good

    Il prossimo 20 giugno dalle ore 18 alle ore 19,30 verrà presentato con un webinar online pubblico (in lingua inglese) il primo Master universitario in Italia incentrato sull’applicazione delle tecnologie digitali ai progetti sociali e di cooperazione allo sviluppo.

    Continua a leggere

  • Movimento cattolico clima

    A Bruxelles il Primo Laudato Si’ Reflection Day

    Il primo Laudato Si’ Reflection Day ha avuto luogo a Bruxelles il 6 giugno con oltre 70 rappresentanti delle Conferenze episcopali europee, di organizzazioni e movimenti cattolici. Insieme hanno espresso il loro sostegno per un sistema finanziario sostenibile in Europa e nella Chiesa. Anche FOCSIV sostiene questa iniziativa.

    Continua a leggere

  • nicaragua.jpg

    Nicaragua: stop alle violenze per promuovere la piena democrazia

    Oltre 100 sono le persone morte, 1000 i feriti e sconosciuto è il numero degli scomparsi sino ad oggi in Nicaragua in seguito alla violentissima repressione governativa contro le manifestazioni pacifiche di protesta iniziate il 18 aprile scorso. La gran parte delle vittime sono manifestanti, ma dal momento in cui si è acuito lo scontro si contano morti anche nelle forze di polizia e nei gruppi filo-governativi.

    L’AOI, insieme ad altre reti di Ong a livello internazionale, esprime forte preoccupazione per questo clima di scontri violenti in Nicaragua e teme che ciò inneschi una spirale che potrebbe riportare il Paese ai periodi più tragici del suo passato.

    Il rapporto “Sparare per uccidere“, diffuso nei giorni scorsi da Amnesty International, parla di “una strategia repressiva nei confronti delle manifestazioni basata sull’uso eccessivo della forza, esecuzioni sommarie, controllo dei mezzi d’informazione e impiego di gruppi armati filo-governativi“. A sua volta, la Commissione Interamericana per i Diritti Umani dell’Organizzazione degli Stati Americani ha espresso giudizi molto duri verso il governo che a suo avviso non ha vigilato sul rispetto dei diritti umani, denunciando “l’uso eccessivo della forza” da parte della polizia.

    La grande, pacifica protesta che attraversa il Paese ha preso le mosse dalle università contro la riforma del sistema previdenziale, ma ha continuato a estendersi anche dopo il ritiro della riforma. Si tratta dell’emersione di un profondo malessere cresciuto negli anni, legato al disagio sociale, al malcontento per la bassa qualità dei servizi e alla mancanza di politiche strategiche in termini di welfare e lotta alla povertà, di un forte dissenso per una gestione delle risorse naturali considerata predatoria, di un’opposizione di comunità contadine e indigene all’esproprio di terre con l’argomento della futura costruzione di un canale inter-oceanico.

    In Nicaragua nella popolazione è largamente diffusa la convinzione che stiano venendo a mancare reali garanzie democratiche, con un Parlamento dominato dal Fronte Sandinista di Liberazione Nazionale (FSLN), che ha messo di fatto fuori legge i principali partiti di opposizione.

    Il “dialogo” promosso dalla Conferenza Episcopale e dall’Organizzazione degli Stati Americani si è subito rivelato molto difficile per la forte distanza fra il governo nicaraguense e i movimenti popolari.

    La partecipazione democratica e l’ascolto delle rivendicazioni di tutti i settori è una condizione indispensabile per eliminare la povertà e l’esclusione sociale e costruire una società pienamente democratica e partecipe di processi di autosviluppo. La storia, in particolare per le fragili democrazie latino americane, ha sempre dimostrato che il baratto “meno povertà in cambio di più autoritarismo” produce solo lutti, violenze e maggiore radicamento della povertà.

    AOI, unendosi alle voci dei movimenti e delle reti di Ong che si sono espresse nel mondo, chiede l’impegno della comunità politica internazionale a sostegno delle istanze che stanno lavorando per promuovere il pieno sviluppo democratico e sociale del Nicaragua.

  • I padroni della Terra, in un mondo finito.

    I padroni della Terra, in un mondo finito. 

    Ci sono delle parole che con il tempo si sono apparentemente trasformate, ma non hanno perso il loro significato più recondito, anzi talvolta l’hanno rafforzato, descrivendo al meglio un nostro comportamento.

    Continua a leggere

  • corpi civili

    Corpi Civili di Pace la migliore parte del nostro Paese

    102 ragazzi, la gran parte ragazze, 10 Paesi in 3 Continenti, nei quali sono stati impegnati in 19 progetti per un anno, sono i numeri nei quali si racchiudono i primi 12 mesi la prima sperimentazione dei Corpi Civili di Pace.

    Continua a leggere

  • logo icare

    I care Onlus

    I care Onlus nasce nel 2004 a Melito di Napoli con l’obiettivo di migliorare la condizione di vita dei popoli dell’Africa sub-sahariana, in particolare dell’Uganda e di altre aree depresse del Mondo (Indonesia) , affianco alla Congregazione delle Ancelle Eucaristiche di Melito già dal 1996 presenti nel villaggio di Mulagi (piccolo villaggio ad est dell’Uganda a circa 300 km dalla capitale Kampala).

    I Care è composta da 20 soci e tanti volontari. Gli obiettivi di I Care sono: sostenere e migliorare la qualità globale della vita dei villaggi limitrofi a Mulagi, Sorothi e Tororo (Uganda); portare un aiuto concreto ma non di tipo assistenzialistico, bensì utile ad un autonomo sviluppo dei popoli nel rispetto della propria terra e tradizioni.

    I care sostiene progetti di sviluppo in Uganda ed Indonesia:

    • ACQUA
    • SALUTE
    • ACCOMPAGNAMENTO ALL’AUTONOMIA FEMMINILE
    • FORMAZIONE INFANZIA
    • ADOTTA UN VILLAGGIO
    • GIOVANI
    • ORATORIO (Indonesia).

    In Italia, svolge prevalentemente attività di:

    • SENSIBILIZZAZIONE
    • FUNDRAISING
    • COMUNICAZIONE

     

  • contest IBO

    IBO Italia Instagram Contest 2018

    In occasione della decima edizione del Concorso Fotografico di IBO Italia e della XXV edizione del Premio del Volontariato Internazionale FOCSIV, IBO Italia Instagram Contest diventa #IGERSVOLUNTEERING e si allarga alla partecipazione di tutti i volontari delle ONG appartenenti a FOCSIV.

    Continua a leggere