• CISVestiamo

    CISV – CISVESTIAMO: mercatino di abiti usati e swap party

    Sabato 29 Giugno, CISV Reaglie, socio FOCSIV, organizza in Corso Chieri 121/6, Torino,  il mercatino di abiti di seconda mano.
    Non solo, sarà l’occasione per stare insieme, festeggiare tutti i volontari e le volontarie che ogni giorno dell’anno danno una mano, ascoltare buona musica e imparare qualcosa in più, ma attraverso questa iniziativa si andrà a sostenere il progetto #ECOPAS: in Senegal, dove CISV lavora a fianco degli abitanti delle coste e della società civile per affrontare l’erosione del terreno causata dall’oceano che avanza senza sosta e i danni causati dalle piogge fuori stagione sulle coltivazioni.
    Per vedere il programma completo scarica qui la locandina
  • Sanfereorto

    MLFM – Bimbi in Lab: l’erbario di Sanfereorto

    Sabato 29 giugno alle ore 16:30 MLFM, socio FOCSIV, organizza, a Lodi in fondo a Via San Fereolo, un pomeriggio creativo per far divertire i bambini imparando a conoscere le piante.

    Continua a leggere

  • ACCRI- soul diesis

    ACCRI – Concerto di beneficenza Soul diesis

    Sabato 18 maggio 2019 alle ore 20.30, presso la Chiesa San Vincenzo de Paoli in via Ananian, Trieste si terrà un concerto di beneficenza con il gruppo gospel Soul diesis.

    Continua a leggere

  • WCENTER 0XMKBCPMJM                epa03430299 EU flags wave outside the EU Commission headquarters in Brussels, Belgium, 12 Ocotober 2012. The European Union was awarded the Nobel Peace Prize 2012 earlier the same day. The EU and its forerunners have for 'over six decades contributed to the advancement of peace and reconciliation, democracy and human rights in Europe,' the Norwegian Nobel Committee citation said 12 October. European Council  President Herman van Rompuy said that the Nobel Peace Prize was a recognition of the EU's work as a peacemaker in Europe.  EPA/OLIVIER HOSLET

    IL VOTO DELLA COMMISSIONE AGRICOLTURA SOSTIENE UN SISTEMA INQUINANTE E DANNOSO

    Nella giornata di martedì 2 aprile, la Commissione Agricoltura del Parlamento europeo ha deciso di non cambiare linea sulla gestione della PAC e di non spostare l’attenzione — e la distribuzione dei fondi comunitari — verso un’agricoltura più sostenibile portata avanti dalle piccole aziende, a tutto vantaggio degli allevamenti intensivi. Sono state infatti respinte le proposte arrivate dalla Commissione Ambiente, tra cui quella di tagliare i finanziamenti pubblici agli allevamenti intensivi e quelle che proponevano di limitare la densità e il numero di animali ammassati nelle stalle delle aziende che ricevono sussidi europei.

    FOCSIV nel quadro della campagna GoodFood4All condivide il recente comunicato della Coalizione #CambiamoAgricoltura, che riunisce le Associazioni AIAB, Associazione Biodinamica, FAI, Federbio, LIPU, Legambiente, ISDE, ProNatura, WWF Italia.

    “I parlamentari europei della Commissione Agricoltura hanno votato per la conservazione di un modello di produzione agricola nemico del clima, della natura e della salute, che privilegia gli interessi delle grandi aziende e delle corporazioni agricole, inchinandosi agli interessi economici e sacrificando il contributo che la Politica Agricola Comune dell’Unione Europea potrebbe dare per il  raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’agenda 2030.

    La Coalizione #CambiamoAgricoltura si rammarica del fatto che la ComAgri del Parlamento UE con questo voto ha ulteriormente indebolito la proposta di riforma della PAC post 2020 della Commissione UE su molti aspetti, in particolare quelli relativi al ruolo dell’agricoltura nelle sfide ambientali globali, contrastare i cambiamenti climatici e fermare la perdita della biodiversità, ignorando i dati forniti dalla ricerca scientifica che richiedono un rapido e deciso cambio di rotta nella gestione dell’agricoltura europea.

    L’attuale Parlamento UE ha così fallito drammaticamente il suo compito di assicurare per la PAC post 2020 un’adeguata riforma in grado di promuovere la necessaria transizione ecologica dell’agricoltura.

    La Coalizione #CambiamoAgricoltura auspica vivamente che il nuovo Parlamento europeo, dopo le elezioni del prossimo 26 maggio, saprà utilizzare meglio il suo potere decisionale per correggere questo pessimo voto dell’attuale Commissione agricoltura e riesca a dare un significativo contributo per definire la futura PAC post 2020 in grado di guidare la necessaria transizione ecologica dell’agricoltura europea verso una reale sostenibilità ambientale, economica e sociale.”

    Ufficio Stampa WWF Italia
    Mail. ufficiostampa@wwf.it

     

    Scarica il rapporto sulla riforma della Politica Agricola Comune “Last Chance CAP”

  • petizione

    BOLSONARO DIFENDA IL DIRITTO AL CIBO. FOCSIV ADERISCE ALLA PETIZIONE DI FIAN

    Comunicato stampa                                                                                                  Roma, 21 gennaio 2019 

    BOLSONARO DIFENDA IL DIRITTO AL CIBO. FOCSIV ADERISCE ALLA PETIZIONE DI FIAN INTERNATIONAL.

    Il Presidente del Brasile ha chiuso il Consiglio Nazionale per la sicurezza alimentare, che aveva portato il Paese fuori dalla Mappa della Fame delle Nazioni Unite.

    Continua a leggere

  • agricoltura mesa farmer

    COME L’AGRICOLTURA BIOLOGICA PUO’ SALVARE LA BIODIVERSITA’

    Gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda Onu mirano a porre fine alla fame entro il 2030. Per raggiungere questo obiettivo la direzione da seguire è, in primis, la produzione di cibo coltivato in un modo buono: per i contadini, per i cittadini e per il pianeta.

    Continua a leggere

  • Pace_post_sito

    ABBIAMO RISO PER UNA COSA SERIA TORNA IN PIAZZA IL 4 e 5 MAGGIO

    Abbiamo riso per una cosa seria, la Campagna nazionale di raccolta fondi a favore dell’agricoltura familiare in Italia e nel mondo, promossa da FOCSIV insieme a Coldiretti e Campagna Amica, torna nelle piazze, parrocchie d’Italia e mercati di Campagna Amica con il tradizionale pacco di riso 100% italiano il 4 e 5 maggio prossimi.

    Continua a leggere

  • bannerMESA GOOD FOOD

    SUPERARE L’OBIETTIVO FAME ZERO CON IL BUON CIBO PER TUTTI IN ITALIA E NEL MONDO

    Gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile mirano a porre fine alla fame entro il 2030. Noi vogliamo raggiungere questo obiettivo attraverso la produzione di cibo che sia coltivato in un modo buono: per i/le contadini/e, per i cittadini e per il pianeta. Guarda il nostro video per vedere come i/le contadini/e contribuiscono, scegliendo l’agricoltura biologica e sostenibile.

    Continua a leggere